venerdì 19 luglio 2013

Urla di vita ardent



Il mattino mesto di luglio
Dall’altro balcone sgorga
D’interrogativi e di sensazioni
Che riempiono il mio cuore di tristezza
Ma io guardo dall’altra finestra
Dove mi trafigge una luce
Piena di speranza
E mi dice: non morire
Speranza? Esiste
Nella mia mente bolle un magma acre
Nel cuore gonfio: dolore e rabbia
I raggi solari si nutrono di me
Come uno specchio del sole
Faccio il giorno e la luna di notte

Nessun commento:

Posta un commento

Hamid Misk, scrittore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog