sabato 14 settembre 2013

Amore vagabondo

Amore vagabondo






Tra treni e binari
e ricordi belli e cari
Seduto su una panchina
Ogni movimento m’innamora
Il passato è presente ancora …
Sorridi o anima birichina!

Tra Chimere e Termini
S’incocciano destini...
E uomini in cerca di una meta
E magari una magica fonte
Nascosta dietro l’orizzonte
L’amore, l’amore disseta…

Il sogno e l’abbraccio
Eccomi, voglio il tuo bacio
Ora, ora, davanti al mondo
I miei occhi sgorgano d’amore
Sono io il treno e il clamore!
Io l’eterno poeta vagabondo

Nessun commento:

Posta un commento

Hamid Misk, scrittore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog