mercoledì 9 ottobre 2013

Metafora di una prigione- Mandela

Vedo lontano
Le sbarre parlano
La schiavitù appartiene all'ieri?
o all'oggi che ha inventato altri neri?
schiavizzati dai feroci bracconieri
Sentite le urla dei fieri guerrieri!

Ma la prigione lo so, lo so ...
E' un immenso cerchio rosso
Non ha più le solite forme
Le sbarre sono latenti e onnipresenti,
e le tirannie sempre più crescenti
lottate e seguite le mie orme...

Non arrendetevi alle sbarre
In fondo che cosa se ne può trarre?
Dolore, dolore  e morte
Il mio sguardo è una macchina
Attingete da ogni moto che trascina
Ognuno è artefice della  propria sorte!

Nessun commento:

Posta un commento

Hamid Misk, scrittore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog