domenica 4 maggio 2014

Solarità

Solarità

Dolce solarità
Crudele severità!
Come i tramonti e le albe
Sento il sole tra le dita
E il dolore d’ogni ferita
e le gioie immense e acerbe

Non sono io quel morente!
Che cala ad occidente
E poi si rialza grandioso
Che cosa sono il tempo e lo spazio?
Se io ho già superato ogni strazio?
Io quel solare tenebroso e luminoso

Non sono io quel nascente?
La cui speranza è crescente
Muoio, nasco, rinasco e muoio
E la mia religione è solarità:
amare ed illuminare l’umanità
in un interminabile sogno


Nessun commento:

Posta un commento

Hamid Misk, scrittore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog