giovedì 23 ottobre 2014

Leopolda



Povera Leopolda…
Di potere ingorda
Oggi ogni sensazione…
Oh Leopolda! Ogni mio sentire
Mi porta a chiedere come ripartire?
Da una vecchia stazione…

Se Machiavelli si risvegliasse?
Direbbe divertito: Oh genti, oh masse!
Firenze ha ora il suo principino…
Ah! Come erano belli i tempi della Signoria!
Ma c’è anche un po’ di Renzo e di Lucia!
Ch’importa? Ad ognuno il suo destino

Io però so, che la bella Leopolda
È un’amante difficile e sorda
Ama solo il potere e il denaro
E del denaro è investita
Come una vogliosa ben vestita
Firenze, Firenze, null’è più amaro?



Nessun commento:

Posta un commento

Hamid Misk, scrittore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog