giovedì 4 dicembre 2014

J’accuse su Roma Capitale, tra corruzione, mafia e crisi economica.



Ne abbiamo abbastanza di questo sistema.
Direi parafrasando il sentimento dei romani: è giunta davvero l’ora del disgusto! Siamo schifati di come il nostro destino, le nostre città, le nostre istituzioni e il nostro futuro fossero finiti in mani losche e criminali. La mia impressione è che tante disuguaglianze e tante miserie non potevano aver luogo in un sistema sano. Ne avevo la certezza matematica che fosse scoppiato uno scandalo similare prima o poi. Direi un maremoto che porterà tutti via.

Eppure qualcosa non va, non va in questo sistema così democratico e garantista, ma così fragile, “perdonista” e permeato di gente "malavitosa". La ragione del ripetersi di queste tragedie è che quasi tutti la fanno sempre franca con pene lievi e sconti di pena, sicché, vediamo gli assassini liberi dopo qualche anno per via degli sconti e della buona condotta, i ladri, gli evasori fiscali, i corrotti e i corruttori scontare pene a domicilio, magari ad ubriacarsi e fare sesso con i loro harem…o talvolta assolti. Ci sono tante criticità e tante ingiustizie generate da un sistema malato troppo garantista e meno attento ai bisogni e ai diritti della gente onesta e perbene di questa bella nazione-  Tuttavia un sincero grazie va fatto ai magistrati e carabinieri, e debbo assolutamente dirlo io che conosco il loro valore e quanto esi lavorano alacremente e senza sosta contro il crimine organizzato. Sono davvero i gladiatori buoni della nostra Repubblica-
Insomma  una sola parola rende l’idea di ciò che ha fatto già emergere finora l’inchiesta sul Comune di Roma, circa la gestione delle municipalizzate e degli appalti: è un vero e proprio terremoto politico che travolge non solo la classe politica romana, ma l’intera partitocrazia italiana. A mio modesto avviso è la goccia destinata a far traboccare il vaso del sistema politico. Renzi è seriamente messo in difficoltà. Era lui il beniamino scelto dai notabili per salvare il sistema. Ora si trova a fronteggiare qualcosa che è destinato ad allargarsi fino a toccare magari esponenti di rilievo della politica nazionale e a portare quanto prima allo scioglimento del Comune di Roma e forse ad elezioni politiche anticipate.  

Nessun commento:

Posta un commento

Hamid Misk, scrittore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog