martedì 13 gennaio 2015

J’accuse del 13/01/14 sulle primarie del PD in Liguria




Durante le ultime primarie del PD a livello nazionale che hanno sancito Matteo Renzi come segretario  del partito democratico, si è parlato molto sulle "tessere comprate e regalate" a chi doveva votare o per l’uno o per l’altro candidato. Nel mio stesso quartiere, io stesso ho sentito parlare di questa compravendita di elettori sia da parte dell’una che dell’altra parte. Ora l’altro ieri, a seguito alle primarie in liguria che dovevano stabilire il candidato PD nelle prossime elezioni regionali, Cofferati denuncia molte irregolarità e numerose segnalazioni ed accusa la candidata vincitrice Raffaella Paita, sostenuta da Renzi, di non aver vinto in modo regolare, non riconoscendo così il risultato sortito dalle urne ed invocando il comitato di garanzia del suo partito. Porcaccia miseria! Direbbe Bersani. Ma ogni volta si deve ricorrere ai marocchini, cinesi e comprati per far prevalere un candidato sull’altro! Con tutto il rispetto a queste persone. Già dall’inchiesta Roma Mafia sono emerse chiari interventi chiamati: "inserimenti dell’ultimo momento" nelle passate primarie che dovevano stabilire i candidati PD al parlamento nazionale a Roma, e chi sa che cosa ancora si cela dietro? Ora uno dei più autorevoli e storici esponenti del partito democratico quale Cofferati, grida alle irregolarità. Sarebbe ora di farla finire con questo sistema poco trasparente e democratico del partito democratico!!!: la rottamazione che vuole Renzi, l’abbiamo capito, avviene anche con i brogli e il ricorso alla corruzione. Ieri in televisione, su Mediaset, si parlava di marocchini che una volta dato il loro voto ad Imperia e Savona…, chiedevano d’essere pagati. E’ una bella democrazia!

Nessun commento:

Posta un commento

Hamid Misk, scrittore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog