lunedì 26 gennaio 2015

J’accuse sulla vittoria politica della sinistra greca- Tsipras e Renzi a confronto




Se Renzi fosse arrivato al potere, come Tsipras è arrivato oggi vincendo ampiamente le elezioni politiche, dopo un percorso politico e una campagna elettorale all’insegna della fine dell’austerità e delle umiliazioni imposte dalla Germania di Merkel, e quindi della Toika europea, sarebbe stato maggiormente legittimato a governare e ad intraprendere tutte le riforme politiche che oggi stenta a mettere in atto, con tutte i mercanteggiamenti e gli attriti che gli vengono sia dal suo stesso partito che dal suo alleato l’ex senatore Berlusconi. Insomma, Renzi non è Tsipras ed egli lo sa molto bene. La sua agenda, le sue riforme, i poteri che lo hanno portato a palazzo Chigi sono i condizionamenti che egli non riesce a superare, senza averne quel naturale contrappeso di idealità, di pensiero politico, d’amore della gente che è fondamentale per poter essere un grande leader carismatico e popolare. Renzi non ha la stoffa di un leader popolare capace d’imporsi a chi in Europa vuole imporci la fame e l’austerità, la disoccupazione e persino la disperazione in nome di interessi finanziari e bancari molto frivoli ed estranei alla nostra storia e alla nostra civiltà. La vittoria di Tsipras è l’inizio della fine di un’Europa oppressiva e totalmente lontana dalla sua gente. Tsipras dovrà mettere in atto tutte le sue promesse e dare una lezione di civiltà e di coraggio politico di cui l’Europa politica odierna ha un urgente e assoluto bisogno. E come ha detto Tsipras: io non lotto solo per la Grecia ma per tutti i popoli europei; noi diciamo la stessa cosa e salutiamo un grande leader europeo e l’inizio di una nuova fase nella storia dell’Unione europea.

Nessun commento:

Posta un commento

Hamid Misk, scrittore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog