giovedì 12 febbraio 2015

J’accuse del 12/02)15 Dialogo sulle ingiustizie



Un preside di una ben nota Università papale improvvisa una lezione sulle ingiustizie. In verità non era ispirato o motivato dalle tante ingiustizie di cui pullula il mondo, ma dal triste caso di un insegnante che è stato vittima di una congiura ordita dagli stessi professori che lavorano nella stessa istituzione. Egli, furibondo e contrariato dal rettore, non poté far nulla per correggere quell’ingiustizia, così quando questa faccenda si concluse con il peggior finale, ebbe modo di parlare col professore allontanato e gli disse: “nella vita, a volte, bisogna accettare le ingiustizie! E’ così..., sei fuori”. Quando questo triste ricordo lo torturò per lunghi notti e giorni, una mattina si presentò davanti ai suoi studenti e decise di parlarne con loro nella speranza che venisse rimosso quella sua colpa:

Preside: Accetterete le ingiustizie. Io ne ho subite e accettate nella mia vita. E voi?
Marco: perché prof?
Preside: E’ così…Nella vita a volte bisogna rassegnarsi davanti al male!
Marco: Che bella lezione di vita prof! Davvero complimenti. Ma i papi dicevano così?
Preside: Io lo sto dicendo idiota!
Marco: Ma nemmeno un idiota accetterebbe l’ingiustizia, senza una contropartita!
Preside: Che cosa vuoi Marco?
Marco: voglio un professore diverso da lei: uno che c’insegni di lottare e di non accettare le ingiustizie. Vergogna professore! Il mondo è pieno d’ingiustizie e di disuguaglianze…
Preside: E’ vero Marco. Mi arrendo. Penso, penso a quel…
Marco: dillo, dillo…quel crocifisso…, lo so, lo so…ora sei tornato in te. Succede professore.
Preside: cancellate questa scritta, non voglio più parlare di quest’argomento.

Marco: Amen! Evviva…

Nessun commento:

Posta un commento

Hamid Misk, scrittore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog