giovedì 9 aprile 2015

Ercole e Caco - Baccio Bandinelli .

 Ercole e Caco del Baccio Bandinelli, scultore rivale di Michelangelo Buonarrotti.
In origine era probabilmente un'antica divinità del fuoco della regione nella quale fu fondata Roma, e per questo motivo emetteva fuoco dalle fauci.
In seguito si pensò a Caco come un mostro dall'aspetto scimmiesco, dato che il suo corpo era coperto di un manto peloso, e secondo la descrizione tramandataci daProperzio, possedeva tre teste.[1]

Caco appare nella decima delle Fatiche di Ercole. Ne narra per esempio Virgilio(Eneide VIII, 193-306), come di un mostro sputafuoco, in riferimento eziologico al culto di Ercole da parte degli Arcadi, ma anche Tito Livio (I, 7), Orazio (Satire), descrivendolo come un pastore, e Dante Alighieri (Inferno XXV, 17-34, come di un centauro).

Noi che cosa possiamo dire davanti alle dodici fatiche di Ercole. La nostre vite sono piene di prove decisive e di fatiche senza fine. A ciascuno di narrare e di eternizzare i momenti più slienti della sua vita. 

Nessun commento:

Posta un commento

Hamid Misk, scrittore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog