mercoledì 21 settembre 2016

J’Accuse sui rifuggisti e dichiarazioni del presidente Obama riguardo alla Russia di Putin



Ieri il presidente Obama ha fatto il suo ultimo discorso davanti all’Assemblea delle Nazioni Unite, un discorso carico di richiami alla democrazia, al rispetto delle libertà e dei diritti umani, soprattutto di quelli dei più deboli, ossia dei rifugiati, il cui numero è aumentato esponenzialmente in questi anni. Proprio gli anni della sua presidenza e quella del suo sciagurato predecessore Bush. Le guerre, la fame, l’insicurezza sono aumentati esponenzialmente.  Purtroppo, nel ventunesimo secolo ancora parliamo di questi mali e miserie umane e dell’incapacità delle Nazioni di porvi rimedio, o per lo meno, di attenuarli del tutto. E’ così significativo e simbolico che i due mandati di Obama finiscano, mentre le Nazioni cosiddette “Unite” stiano richiamando alla necessità di sostenere i rifugiati nel mondo. Il presidente Obama, se si fosse fatta una seria riflessione su tale catastrofe umana, sulle sue cause e sulle sue pesanti e imprevedibili conseguenze, probabilmente, se avesse avuto un’acuta sensibilità e un senso di autocritica, si sarebbe autoaccusato e accusato il suo paese d’essere uno dei colpevoli in queste guerre e tragedie che hanno costretto milioni di esseri umani a fuggire alla ricerca della pace, di un lavoro e di una nuova dignità. Insomma l’Assemblea delle Nazioni tenutasi ieri, 20 settembre 2016, ha assomigliato in qualche modo a quelle ultime Assemblee della Società delle Nazioni, nelle quali regnava il caos e la sfiducia reciproca, ma soprattutto la minaccia di nuove conflitti regionali e internazionali. Il povero Obama, benché abbia fatto un discorso alto dal punto di vista etico-politico incentrandolo sui valori della democrazia e della  “fallimentare «mondializzazione dei mercati, e su questo abbiamo detto quello che pensiamo nei precedenti J’Accuse, egli si è per un attimo scordato che fosse lui, il presidente della Prima Super Potenza mondiale, la cui politica estera, soprattutto in Medio-Oriente è stata responsabile di rovinose guerre e immani tragedie umane. Non vogliamo ricordare le dissoluzioni dello Stato iracheno e quello  libico e delle loro gravi, e tutto ‘ora attuali, conseguenze nell’area medio-orientale e mediterranea e soprattutto del vuoto causato, il quale è stato riempito ad arte dai terroristi d’ogni fede e casacca. E non parliamo affatto della Siria! Che responsabilità ha la Russia in Siria? Obama accusa Putin di riguadagnarsi le vecchie glorie con la forza. E l’America caro Obama? Che cosa ha fatto finora per i siriani? Perché l’America non ha difeso quei diritti che lei cita nel tuo discorso in questo paese, vendendolo non alla Turchia, ai paesi canaglia di nuova generazione…., dando un concreto contributo alla pace sin dallo scoppio della crisi. Tutte le sue parole sono una bella retorica per Cerimonie che saranno presto dimenticate. Lei, caro Obama, non ha fatto nulla per questi popoli e nemmeno per gli africani che fuggono dalla fame e dalle persecuzioni dei quali si è riempito il nostro Mar Mediterraneo. Che questo tuo ultimo discorso sia l’ultimo e che l’America che noi abbiamo amato ritorni ad essere amica dei popoli e garante della pace e della prosperità nel mondo. 

Nessun commento:

Posta un commento

Hamid Misk, scrittore.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog